Cavi elettrici monofilo

Il rame è un metallo duttile e con ottime caratteristiche di conducibilità elettrica, per questo motivo viene ampiamente utilizzato nella realizzazione di fili e cavi per impianti elettrici. Si parla di monofilo in rame, in particolare, quando si ha un unico filo realizzato con questo materiale, sul quale è possibile applicare uno strato di stagno per garantire maggiore protezione contro la corrosione dovuta all’umidità o all’alto calore degli ambienti in cui avviene la posa.

La produzione del monofilo in rame avviene mediante un processo di trafilatura, in genere a sezione tonda, al termine della quale si ottiene per l’appunto un filo da avvolgere attorno alle bobine utilizzate per lo stoccaggio e il trasporto. Il monofilo in rame trova impiego in diversi settori e può essere fornito ricotto o con differenti gradi di incrudimento.

MULTIFILO - FC Cables
Fc Cables-5

Monofilo in rame: impieghi

Per le caratteristiche del materiale utilizzato, il monofilo in rame trova impiego in diversi settori e in particolare nel campo dell’impiantistica elettrica, dove funge da eccellente conduttore di energia e viene per questo usato per produrre cavi di bassa tensione. Tra gli altri impieghi del filo in rame vi sono in seguito quelli elettromagnetici e galvanici, inoltre lo stesso viene utilizzato per la produzione di viteria da destinare ad altri settori.

Monofilo in rame crudo e ricotto

Il monofilo in rame può essere fornito ricotto o con diversi gradi di incrudimento: ciò determina la maggiore o minore flessibilità del filo, e dunque la scelta tra le diverse tipologie di quest’ultimo va effettuata in base alle necessità d’uso dello stesso.

Il monofilo in rame crudo, in particolare, si presenta difficile da piegare e dunque con maggiori rischi di spaccatura: si parla infatti di limite delle deformazioni plastiche molto vicino al punto di rottura. Ciò è dovuto al fatto che la lavorazione plastica del rame tende a incrudire il materiale e dunque lo rende man mano meno deformabile.

Diverso è il discorso per il monofilo in rame ricotto, frutto di un processo metallurgico in cui il rame viene portato vicino al punto di fusione all’interno di appositi forni e tenuto in tali condizioni per un certo lasso di tempo. Il processo di ricottura fa sì che il rame sia più duttile e malleabile e quindi che risulti più semplice da lavorare per realizzare lastre o fili sottili.

Per la sua maggiore flessibilità, il monofilo in rame ricotto risulta più facile da piegare e da applicare in quelle condizioni in cui via siano curvature e spazi ridotti.

I gradi di incrudimento possono essere variabili e si parla infatti di filo in rame crudo, semicrudo o ricotto a più livelli; pertanto, è sempre consigliabile valutare bene le necessità di utilizzo dello stesso e pianificare una lavorazione adeguata che permetta di avere il giusto grado di cottura del materiale.